Ogni maledetto venerdì 17

Sulle tombe dei defunti dell’antica Roma era comune la scritta “VIXI” (“ho vissuto”, cioè ora “sono morto”): durante il Medioevo le popolazioni italiane, che avevano abbandonato il latino in favore dei dialetti e che attraversavano un periodo storico caratterizzato da analfabetismo, confusero tale iscrizione con il numero 17.
(da Wikipedia. Chissà poi se è vero)

Pensavamo di non leggerlo più, Cronache di una sorte annunciata, dal vivo. Pensavamo che la dissertazione pubblica durante il Festival di Filosofia fosse abbastanza. Poi dei baldi giovani e carpigiani si sono offerti di farcelo leggere ogni venerdì 17 da qui alla fine della Storia.

Quindi vi aspettiamo, venerdì 17 dicembre, allo [spazio]meme di Carpi.
E poi venerdì 17 giugno 2011. E così via.

Accettate la sfiga.

Annunci

Informazioni su il Many

(marco manicardi)
Questa voce è stata pubblicata in Appuntamenti. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Ogni maledetto venerdì 17

  1. Stefano Pederzini ha detto:

    la storia del vixi sembra un po’ quella dei bambini ferraresi battezzati Piovipapa perchè i genitori avevano letto sul calendario San Pio VI Papa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...