La superstizione porta bene

di Emanuele Vannini “Van deer Gaz”

venerdì 13 novembre

Oggi è venerdì 13, e me ne fotto.
Non son superstizioso. Però la superstizione m’ha fatto del gran bene.

Quand’ero piccolo, in estate, i bimbi sani andavano a giocare al mare o a far danni mentre io “nelle ore pomeridiane del riposo e del silenzio” ero costretto a starmene in casa, in camera a leggere, perché non dovevo far rumore. Al di là del sottofondo di violini, bello leggere. Tutti quei fumetti, e soprattutto tutti i fumetti proibitimi da mio padre (su Linus c’era Crepax).

L’effetto collaterale era che ero sempre l’unico ottenne reperibile.

D’estate stiravano delle gran quantità di vecchietti per via per caldo, e se suonava il telefono alle 2, di sicuro era il prete e c’era da inumare un caro estinto; ero precettato come chierichetto, a sventolar incenso e star serio mentre in quel caldo vedevo gente triste e piangente. Sempre io, l’unico chierichetto reperibile per i funerali estivi.

Son tornato a leggere fumetti in pianta stabile quando mia nonna s’è accorta che i vecchietti, incontrandomi, si toccavano le palle.

Annunci

Informazioni su il Many

(marco manicardi)
Questa voce è stata pubblicata in ebook. Contrassegna il permalink.

Una risposta a La superstizione porta bene

  1. Silas Flannery ha detto:

    Ahah. Beh, i chierichetti sono creature del demonio.

    (Comunque son traumi, lo capisco. Dover partecipare a un funerale mentre c’è un fumetto da finire è roba vietata dalla Convenzione di Ginevra).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...